Trasformazione digitale: solo “Top-down”?

Se osserviamo gli approcci alla Digital Transformation che oggi vanno per la maggiore, possiamo notare come siano due quelli più gettonati:

  1. L’approccio “tecnico” basato sulla “esplorazione” di specifiche tecnologie attraverso implementazione di POC (Proof of Concept);
  2. L’approccio “strategico” basato su piani di lungo periodo fortemente guidati dalla coerenza con la vision;

Post blog

Se riguardiamo alla storia passata della Lean Production possiamo notare quanti fallimenti hanno come causa radice la scelta di un approccio errato.

Prima vi fu la “caccia alle tecniche”: tante aziende furono in grado di implementare (anche con successo) specifici strumenti Lean in aree pilota ma ben pochi furono gli effetti sul fronte del Business (e del Conto Economico) e del “cambiamento culturale”.

Poi venne l’epoca dei “sistemi”: definizione di strategie, progettazione di grandi architetture a supporto dei processi di miglioramento (WCM, TPM, XPS “X” Production System, ..) e sviluppo di Master Plan pluriennali. Anche qui grandi entusiasmo iniziale, tanto impegno ma spesso risultati che faticavano a giustificare gli investimenti.

Mi domando: non potremmo fare tesoro di questa esperienza ed evitare un po’ di errori nell’approcciare la Smart Factory?

La filosofia “top-down” non deve essere buttata via. Ha, ovviamente, senso ma deve essere integrata con un approccio “bottom-up” che parte da bisogni specifici e dalla realtà dei problemi da risolvere sul campo. Che coinvolga le persone facendole sentire realmente parte della trasformazione. Che “vada a cercare” le tecnologie che servono e non solo quelle che “fanno scena”.

Quanto ha di “bottom-up” la vostra Trasformazione Digitale?

Like(2)Dislike(0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *