I “6 management waste”

Un capitolo del libro “Getting to Lean” di Lawrence M. Miller, dopo aver affrontato la definizione dei “soliti” sette sprechi analizza quelli che l’autore definisce i “ 6 management waste“.

Immagine getting to lean

Mi sembra uno spunto di riflessione importante in cui trovo molte delle storture che, spesso, caratterizzano il fallimento di molti progetto di cambiamento; vediamoli assieme:

Spreco manageriale #1: Escalation delle decisioni

E’ l’abitudine di dover far “salire” le decisioni ai “piani superiori” per essere prese. Mancanza di empowerment, educazione o incoraggiamento sono le cause più comuni. “L’intasamento” della struttura è il primo effetto, la perdita della responsabilità della decisione è il più fatale. Le decisioni vanno prese al livello più basso possibile dell’organizzazione.

 

Spreco manageriale #2: Modelli contraddittori

Quando il management dimostra comportamenti contraddittori rinforza i comportamenti sbagliati. I Manager devono essere dei “maestri” dei comportamenti pretesi dagli altri. Gli anglosassoni lo definiscono “Lead by example”

 

Spreco manageriale #3: Fallimento nel gestire il proprio lavoro

Alcuni dei processi dell’azienda devono essere gestiti da team di senior management. Ci sono però pochi team di senior manager che gestiscono i propri processi in modo strutturato, chiarendo in modo chiaro input, output e il valore aggiunto dei processi gestiti… Spesso in modo così evidente da ricadere nello spreco #2.

 

Spreco manageriale #4: Non decidere

E tutte le sue sfaccettature: non decidere, decidere in modo non sincrono alle esigenze aziendali, utilizzare processi decisionali non strutturati, richiedere sempre approfondimenti di indagine… Se in concomitanza dello spreco #1 può essere una vera rovina.

 

Spreco manageriale #5: Sprecare spazi e risorse

Uffici con doppia parete vetrata e piante ornamentali, sale riunioni perennemente vuote, segreterie…

 

Spreco manageriale #6: Il fallimento della fiducia

Un management team efficace è un sistema sociale basato sulla fiducia. Quanti di questi team sono effettivamente composti da colleghi che basano la propria interrelazione sulla fiducia reciproca?

 

Prima di intraprendere un percorso di trasformazione e partire alla caccia dei sette sprechi “classici” una seria riflessione su questi 6 punti potrebbe risparmiare qualche delusione; cosa ne pensate?

Like(1)Dislike(0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *